map-pin GERMANIA

Di più
11 Anni 3 Mesi fa #162090 da PsychDeu
Risposta da PsychDeu al topic Re:GERMANIA
Salve, complimenti per la scelta fatta. Un sistema migliore per imparare il tedesco in fretta non c'è proprio. è la scuola migliore che ci sia! Naturalmente bisogna fare dei corsi intensivi (ogni giorno per tutta la settimana). Si impara nel giro di 3 o 4 mesi, ovviamente a seconda delle capacità individuali.


Buona fortuna!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • rolando
  • Avatar di rolando
  • Visitatori
  • Visitatori
11 Anni 3 Mesi fa #162137 da rolando
Risposta da rolando al topic Re:GERMANIA
Allora vorrei fare una precisazione. Ho scritto a caratteri cubitali è necessario il B2 non perchè volevo sovrastare o criticare colleghi o colleghe che scrivono (secondo il mio parere) cose non esatte, semplicemente ho usato un carattere più grande in modo che fosse per tutti chiaro!! Non volevo assolutamente che fosse inteso come un urlo o come un rimprovero nei confronti di Psichedeu! Ognuno è libero di dire e scrivere quello che pensa e quello che ritiene opportuno ma è chiaro che deve, nel caso in cui delle affermazioni risultino essere inesatte, necessariamente essere corretto!
Il livello B2 è il livello di lingua richiesto per poter ottenere l' APPROBATION, così come richiesto dalla Legge qui in Germania (quando troverò il Paragrafo dedicato lo invio in modo da fare maggiore chiarezza e soprattuto per essere il più trasparente possibile!!!). Ora se l' ospedale di Psichedeu ha un canale preferenziale attraverso cui è possibile ottenere un BERUFERLAUBNIS che consente di lavorare solo per un certo periodo di tempo scaduto il quale è necessario sempre il B2, sinceramente questo non lo possodire!!! Quello che posso affermare con certezza perchè è una situazione che io ho vissuto in prima persona, la conoscenza della lingua è necessaria e come dice Marky, la motivazione aiuta tantissimo ma non ti permette di raggiungere un livello di lingua che ti consente di poter interagire con le persone mediante l' utilizzo di registri (di lingua ) diversi!!!!Mi spiego meglio: quando si studia una lingua per lavoro, ci si "specializza " in modo da gestire al meglio discorsi circa le tematiche inerenti alla Medicina (come in questo caso). Se si va in un officina meccanica, si iniziano ad avere difficoltà per potersi esprimere e così anche in altre situazioni!!!! Pertanto invito tutti prima di fare una scelta così grande di valutare attentamente tutte le opzioni disponibile e soprattutto considerare le difficoltà iniziali, ma con questo non voglio scoraggiare nessuno semplicemente far presente la realtà!! E' vero che in Italia ci sono tanti medici e professori che non hanno idea di cosa significhi parlare in Italiano ma la differenza sostanziale è una: LORO NON SONO IMMIGRATI!!!!
Un ultima cosa, sono contento della scelta saggia di linfasole, ma vorrei dirti una cosa semplicissima: NON SCORAGGIARTI SE ALL'INIZIO INCONTRERAI DIFFICOLTA' E TI RENDERI CONTO CHE E' NECESSARIO PIU TEMPO DEL PREVISTO PER RAGGIUNGERE IL TUO OBIETTIVO, L' IMPORTANTE E' PERSEGUIRE CON COSTANZA E DEDIZIONE LA STRADA CHE TI CONDURRA' ALLA TUA META!!!! E SICURAMENTE ARRIVERAI!!!
auguro a tutti un buon proseguimento di serata.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
11 Anni 3 Mesi fa #162140 da daydreamer
Risposta da daydreamer al topic Re:GERMANIA
Ma rolando non credo che comuque qualcuno pensi di andare in Germania senza sapere un briciolo di tedesco... Mi sembra ovvio che per fare il medico il tedesco in Germania serva, così come serve in altri Paesi la lingua madre del posto!

Se c'è qualcuno che pensa che si possa andare in Germania senza sapere il tedesco a livello B2 o andare in Inghilterra senza livello CAE sono fatti suoi, si troverà gli scogli davanti, ma a me sembra proprio ovvio...

Il Paese dei balocchi non esiste da nessuna parte, se c'è chi ci crede son fatti suoi!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • rolando
  • Avatar di rolando
  • Visitatori
  • Visitatori
11 Anni 3 Mesi fa #162149 da rolando
Risposta da rolando al topic Re:GERMANIA
daydreamer concordo con te, ecco perchè sonointervenuto in questa discussione. Mi son sentito solamente in obbligo di chiarire qual'è la reale situazione. Solo questo. Nulla di più!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
11 Anni 3 Mesi fa - 11 Anni 3 Mesi fa #162156 da einaz80
Risposta da einaz80 al topic Re:GERMANIA
Nessuno con un po' di esperienza lavorativa alle spalle può pensare che esista il Paese dei Balocchi ... esiste però la legge del mercato, della domanda e dell'offerta, e, per quanto io non possa (a differenza per esempio di Psychedeu) parlare in prima persona di come stanno le cose all'estero perchè (per ora) sono in Italia, posso dire che qui da noi ho visto infermieri stranieri che davvero di italiano sanno ben poco, eppure lavorano eccome, semplicemente perché c'è tanto bisogno!

Faccio un esempio che esula dal discorso specializzazioni all'estero ma che riguarda il mio ambito (medicina generale); un collega mi raccontava che in alcune regioni qualche anno fa i sostituti pagavano per fare sostituzione di mmg (il sostituto pagava il titolare!), perchè così facevano punti in graduatoria. Alla situazione attuale della zona in cui vivo è una cosa assolutamente incredibile, direi esilarante, pensare di dover pagare per sostituire, qui è il sostituto che contratta su quanto prendere e spesso non ci sono tanti medici disponibili da sfruttare, quindi si viene trattati con riguardo.

Le situazioni cambiano (e di molto) a seconda del momento storico e del luogo. Non penso che una professionista come Psychedeu scriva inesattezze così tanto per illudere qualche giovane leva italiana; oltretutto, sull'argomento, ho dialogato personalmente con un altro strutturato italo-tedesco che poco tempo fa ha scritto un post su questo forum (per la precisione il 5 settembre 2009) riguardo la Specializzazione in Germania affermando "cerchiamo disperatamente giovani colleghi che vogliono specializzarsi nelle varie dicipline" e lui stesso mi ha confermato che le possibilità in Germania sono molto buone e all'inizio si può essere aiutati su molti aspetti (corsi di lingua, abitazione, ecc)
E' sbagliato farla tanto facile, ma è altrettanto sbagliato scoraggiare le persone. Le difficoltà sicuramente ci sono, ma indubbiamente le Direttive europee sulla libera circolazione dei medici forniscono ai giovani di oggi un'opportunità notevole. Ovvio, fossimo per esempio negli Stati Uniti dove tutta la popolazione parla la stessa lingua, gli spostamenti sarebbero sicuramente più agevoli.
Ultima Modifica 11 Anni 3 Mesi fa da .

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
11 Anni 3 Mesi fa #162427 da daydreamer
Risposta da daydreamer al topic Re:GERMANIA
Quello che intendevo dire io è che alla fine avete ragione un pò tutti.

Nel senso che chiaramente se la carenza è grande assumono anche se si sa poco il tedesco, ma in linea di massima, è bene saperla la lingua (anche per questioni proprie e di formazione).

Va chiaramente ribadito che la maggior parte dei Bundesländer richiedono il livello B2, che non è certo basso, mi sa che è come il famoso First che si da per l'inglese come approfondimento.

In Inghilterra richiedono addirittura di più, quindi quello che intendevo dire, è che pretendere di andare in un Paese senza sapere la lingua sia un pò esagerato...

Io personalmente, sono interessato ad una formazione specialistica in Germania, e ho iniziato un corso di tedesco da qualche settimana al Goethe Institut della mia città, su indicazione di PsychDeu, che voglio ringraziare perché ci da un racconto diretto di come siano le cose lassù in Germania.

Da qui alla laurea mi mancano 2 anni, e se ci aggiungo i vari mesi per l'abilitazione, spero vivamente di arrivare al livello B2 :)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
11 Anni 3 Mesi fa #162579 da fiona84
Risposta da fiona84 al topic Re:GERMANIA
Sono laureata a Modena ad Ottobre, e mi sto abilitando (incrociando le dita e facendo gli scongiuri) e sono stata il quinto anno di corso in Erasmus a Münster (NRW-Germania) e vorrei condividere le cose che ho vissuto in presa diretta.
Di sicuro l'Erasmus è un'esperienza bellissima e utile per togliersi stress (al 5. anno i miei compagni italiani sono quasi tutti sclerati per lo stress di chiedere la tesi al più presto e nel loro posto preferito, scoraggiando eventuali concorrenti) e per aprirsi le porte a realtà diverse (quando si è in Italia, si pensa che tutto l'universo sia limitato al proprio policlinico, difficilmente si vedono ospedali diversi, più piccoli, o semplicemente anche altri ospedali universitari etc..), conoscere differenti metodi, diverse culture e mettersi in gioco..
Sono partita per l'Erasmus, avendo già fatto 5 anni di tedesco alle superiori e avendo trascorso un anno di superiori in Germania, ma avendo passato i 4 anni di università a scordarmelo, però il mio livello di comprensione ed espressione per la vita di tutti i giorni era abbastanza buono (diciamo che comunicare in generale con la gente non era un problema), ma seguire le lezioni e partecipare ai praktika è stato all'inizio un po' avventuroso (le lezioni bene o male i powerpoint aiutano molto, nei praktika specialmente i primi tempi mi limitavo ad osservare e mandare avanti gli altri, poi piano piano ci ho preso un po' la mano, ma anche perché son anche timida io..) e specialmente per i blockpraktika e famulaturen (che sono i tirocini obbligatori e volontari in cui devi stare in ospedale 8 ore al giorno per almeno una settimana o 2) diciamo che anche alla fine mi sentivo sempre un po' in svantaggio, perché comunque tutta la terminologia tecnica che impari nei primi anni di università ti manca, questo anche alla fine del periodo di erasmus, perché la maggior parte delle materie l'hai imparata in italia (anche se ad es. la psichiatria l'ho imparata là e molto del linguaggio specifico non lo so ritradurre in italiano..;-)) e comunque non sei mai a tuo agio come nella tua lingua e anche perché a livello di preparazione pratica i tedeschi son da subito abituati a fare, mentre noi spesso e volentieri (almeno per la realtà di Modena), ci limitiamo a guardare..
Per cui ora come ora farei secondo me fatica ad iniziare a lavorare in Germania, non come possibilità di lavoro, ma a livello di preparazione pratica personale, anche in virtù del fatto che i tedeschi l'ultimo anno lo passano interamente in reparto (praktisches Jahr, 4 mesi in medicina interna, 4 mesi in chirurgia e 4 mesi a scelta..)..
A dispetto di questo però so che le opportunità di lavoro al momento sono molto buone (basta dare un occhio al Deutsches Ärzteblatt che è il giornale che viene inviato a tutti gli iscritti all'ordine tedesco e che è composto per circa metà da annunci di lavoro) e tutti i miei compagni tedeschi con cui sono ancora in contatto, che han finito l'esame di stato tra novembre e dicembre, stanno già lavorando nel reparto che volevano, ad es. uno dei miei migliori amici ha fatto un colloquio l'ultima settimana di gennaio ed ha iniziato a lavorare il 1. Febbraio..
Io al momento sono nell'indecisione o meglio mi affido un po' a quello che verrà, nell'attesa di abilitarmi e aspettare il concorso qua (in cui probabilmente se mi mettessi seria a frequentare probabilmente entrerei, essendo una dei pochi interni per parecchi posti, che però non vanno mai persi grazie ad esterni e gente che la prova come seconda possibilità..), sto anche facendo il concorso per una borsa di studio leonardo, per un tirocinio pagato di 5 mesi all'estero che avrei anche già organizzato (già avuto risposta positiva da 2 ospedali tedeschi che mi prenderebbero come tirocinante), anche se il problema sarà avere la borsa italiana (soli 17 posti per tutti i laureati di tutta la mia università degli ultimi 2 anni).. Anche se la avrò, ho un po' paura che partendo mi giocherò il concorso italiano e se capissi che invece voglio lavorare in Italia, allora l'anno prossimo non avrei le stesse chance, per cui sono veramente nell'incertezza.
Comunque se vado in Germania vi farò sapere..
Ringraziano per il messaggio: narcos84

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
11 Anni 2 Mesi fa #163234 da Bunsa
Risposta da Bunsa al topic Re:GERMANIA
Ciao a tutti!
Ho seguito la vostra discussione e ho trovato molti spunti interessanti in merito alla possibilità di specializzarsi in questo paese.

Io personalmente vorrei prendere in considerazione questa opportunità e la domanda che vorrei porre è di tipo più professionale che tecnica:
Parlando con alcuni studenti tedeschi mi hanno detto che il loro sistema d' isegnamento e anche il loro sistema sanitario li posse sotto stress molto pesante a ritmi di lavoro che sfiorano l' esagerazione. Per esempio mi hanno detto che i loro medici sono ufficialmente pagati per 9 ore di servizio ma sono ufficiosamente costretti a rimanere in ospedale non meno di 11 ore.
Insomma diciamo che non mi è stato dipinto un quadro bellissimo, tanto che a quanto pare gli stessi studenti tedeschi sono molto scontenti in merito alla situazione che dovranno affrontare nella loro vita lavorativa.

Qualcuno mi saprebbe dire qualcosa in più in merito?

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
11 Anni 2 Mesi fa #163236 da daydreamer
Risposta da daydreamer al topic Re:GERMANIA
Ho capito, anche in UK e soprattutto in USA lavorano come matti,ma gli stipendi sono anche piu' alti che in Italia!
Se non vuoi andare in Germania solo perché "si lavora tanto" credo proprio che quel Paese non faccia per te........

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
11 Anni 2 Mesi fa #163244 da Bunsa
Risposta da Bunsa al topic Re:GERMANIA
Non hai capito.
Innanzi tutto se voglio andare via dall' Italia è perchè, di fatto, qua si lavora troppo poco.

La mia perplessità è stata maturata su osservazioni che mi sono fatte da stessi studenti tedeschi, non da italiani sopraffatti dal carico di lavoro.

A quanto ne so, gli studenti di medicina delle università tedesche sono profondamente preoccupati per la piega che ha preso addirittura la figura istituzionale del medico, visto il carico di lavoro a cui sono sottoposto.

La mia riflessione è un pochino più profonda...

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: Marky
Tempo creazione pagina: 1.032 secondi
Powered by Forum Kunena