Uncategorised

Cari Colleghi,

pubblichiamo la proposta del nostro Segretariato in tema di riorganizzazione e razionalizzazione del sistema formativo
professionalizzante del giovane medico (
Proposta riforma postlauream).
Alla luce dei contenuti della Nota emanata dal MIUR (
Lettera Masia 1 e Lettera Masia 2) nel senso di preannunciare l'adozione di un Concorso a graduatoria unica nazionale e della recente presa di posizione del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari (CNSU) (consultate la mozione
http://www.cnsu.miur.it/news/2009/concorso-di-accesso-alle-scuole-di-specializzazione-di-area-medica-stato-dell’arte-e-proposte-di-miglioramento.aspx), convinti che non si possano improvvisare provvedimenti così importanti che investono la vita di migliaia di Giovani Medici, così come invece inopportunamente fatto lo scorso anno in occasione dell'introduzione degli accorpamenti federativi, abbiamo chiesto l’istituzione di un apposito tavolo tecnico interministeriale (MIUR, Ministero Lavoro, Salute e Politiche Sociali) che affronti una volta e per tutte la riorganizzazione e le
razionalizzazione del sistema formativo professionalizzante postlauream del giovane medico nel quale siano attivamente
coinvolti tutti i soggetti competenti: CRUI, Conferenza dei Presidi, la FNOMCeO e le Associazioni di categoria.
Ritenendo, altresì, che sia pretestuoso parlare di "Merito", laddove non si adotti anche "metodo" nel pianificare ed applicare le riforme, abbiamo chiesto, inoltre, che si proceda alla definizione ed applicazione delle Riforme secondo un programma definito, per non lasciare nel limbo i circa 8000 giovani medici che aspirano nel corrente anno accademico ad accedere alla specializzazione.

Presidente Nazionale
Segretariato Italiano
Giovani Medici (S.I.G.M.)
Web:
www.giovanimedici.com
Mobile: +393394143758 - +393282861716
E-mail:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I GIOVANI MEDICI ITALIANI SI CONFRONTANO SUL LORO RUOLO NEL SSN: “MENO POLITICA E PIÙ MERITO NELLA SANITÀ DEL FUTURO”

"Chiediamo l’istituzione di un apposito tavolo tecnico interministeriale (MIUR, Ministero Lavoro, Salute e Politiche Sociali) che affronti una volta e per tutte la riorganizzazione e le razionalizzazione del sistema formativo professionalizzante postlauream del giovane medico nel quale siano attivamente coinvolti tutti i soggetti competenti: CRUI, Conferenza dei Presidi, la FNOMCeO e le Associazioni di categoria. – afferma il Presidente del SIGM, Walter Mazzucco - Chiediamo, altresì, che si proceda alla definizione ed applicazione delle Riforme secondo un programma definito, per non lasciare nel limbo i circa 8000 giovani medici che aspirano nel corrente anno accademico ad accedere alla specializzazione – concludono Martino Trapani, Marco Mafrici e Francesco Macrì, del Comitato Organizzatore ". 
Di seguito sono riportate le proposte avanzate alla presenza del Vice Ministro della Salute, Prof. Ferruccio Fazio, che è intervenuto alla Conferenza:
1) Definire con urgenza la data del Concorso per l’accesso alle scuole di specializzazione di area sanitaria.per il corrente A.A. 2009/2010. Diploma di laurea abilitante, sul modello delle professioni sanitarie, calendarizzazione del Concorso di accesso alle scuole di specializzazione espletato con graduatoria unica nazionale, con inizio delle prove a novembre e delle attività a gennaio, a partire dall’A.A. 2009/2011.
2) Allargare la rete formativa del giovane medico al territorio ed alle strutture ospedaliere.
3) Riconoscimento degli anni di specializzazione, se caratterizzati da produzioni scientifiche impattate e certificate, ai fini dell’accesso alla dirigenza medica ed al ruolo di ricercatore.
Valutazione e monitoraggio degli standard formativi delle scuole di specializzazione ad opera degli Osservatori Regionali della formazione medico specialistica. 
4) Inquadramento dei medici in formazione in unica cassa previdenziale ENPAM
5) Aumento del contingente di posti di specializzazione per far fronte al turn over generazionale che nel 2020 registrerà il pensionamento di 70 mila medici.
6) Limitare il fenomeno del precariato a cui sono sottoposti i Giovani Medici negli Ospedali e nel Territorio e favorire l’accesso al ruolo di dirigente medico.

Meno politica e più Merito nella Sanità del futuro! È lo slogan che rappresenta il filo conduttore della Conferenza Nazionale Programmatica del Segretariato Italiano Giovani Medici (S.I.M.G.), l’Associazione Italiana dei Giovani Medici, che si terrà a Roma presso la Sala Conferenze della Fondazione EMPAM, a partire dalle ore 15,00 del 30 ottobre 2009.
I delegati delle sedi SIGM si incontreranno per affrontare in presenza delle Istituzioni (Accademiche, Politiche e Ministeriali) le principali tematiche di attualità per la categoria: Concorso e diritto di accesso alle scuole di specializzazione, Formazione medico specialistica, Formazione e status del medico in formazione specifica di medicina generale, Accesso dei Giovani Medici alla Ricerca, Semplificazione burocratica e normativa, accesso al mondo del Lavoro e tutela previdenziale, criteri di selezione per l’accesso al ruolo di dirigente medico.
Il S.I.M.G. si propone all’attenzione della comunità medica Italiana in qualità di realtà associazionistica che si prefigge di portare a sintesi le istanze dei Giovani Medici Chirurghi Italiani (specializzandi, specialisti ospedalieri e libero professionisti, ricercatori, medici in formazione specifica di medicina generale, ecc.).
"Affermare un modello di medico che abbia padronanza della propria professione in ogni condizione, oltre i confini geografici e culturali, aprendosi al confronto con le realtà assistenziali internazionali senza trascurare di contribuire al miglioramento del complicato contesto nel quale opera, è il sogno dei soci del SIGM. – afferma Walter Mazzucco, Presidente Nazionale del SIGM - L’impegno affinchè non vengano disperse le motivazioni iniziali che hanno indotto i giovani ad intraprendere il lungo percorso formativo della medicina, salvaguardando l’attenzione alla cura della persona globalmente intesa, prima ancora che al paziente-utente, sintetizza lo spirito dell’Associazione".
"L’Associazione vuole creare i presupposti per favorire il dialogo tra medicina universitaria, ospedaliera e territoriale, superando gli steccati posti in essere dalla ultraspecializzazione e dalla mancanza di una cultura di Sistema e di rete che quotidianamente produce carenze, disservizi e spreco di risorse. – affermano Martino Trapani, Marco Mafrici e Francesco Macrì, del Comitato Organizzatore della Sede SIGM di Roma - In altre parole, il SIGM vuole rappresentare un movimento di pensiero che rinnovi nello spirito la medicina Italiana".

 

Programma Congresso Nazionale SIGM

Dettagli organizzativi congresso SIGM: iscrizioni ed alloggio

Come raggiungerci