file Chiarimenti su specializzazione Chirurgia Maxillo-Facciale...

Di più
8 Anni 9 Mesi fa #169077 da MarcoSf
Cari colleghi vorrei tentare di fare un riassunto di questa specializzazione perche ho visto molti quesiti nel forum senza risposta.
Mi piacerebbe che chiunque abbia una esperienza diretta della specialitá potesse contribuire. Io sono specialista ma naturalmente non posso conoscere nel dettaglio ogni aspetto della situazione italiana, per questo ogni intervento di critica é ben accetto per chiarire le idee a chi volesse intraprendere questa via.
Divido la discussione in punti cosí sará piu facile inserire interventi riferendosi ad un assunto in particolare.

1) E´ una specializzazione relativamente giovane in Italia e conta pochi specialisti se rapportata ad altre branche chirurgiche. E´ notevolmente piú sviluppata diciamo da Roma in su, e mi riferisco solo al numero di reparti, al numero di specialisti e soprattutto al numero delle scuole di specializzazione (se non vado errato al momento attuale al Sud ci sono due scuole a Napoli, una a Bari, una a Catanzaro ed una a Messina, quindi in quasi metá del territorio italiano ci sono in tutto 5 scuole).
Se contiamo i reparti in cui effettivamente si svolge questa specialitá forse in tutto il Sud sotto Napoli ce ne saranno altri 4-5, quindi un numero estremamente basso se confrontato con altre branche chirurgiche.
Posso dire che é l´unica branca chirurgica specialistica a non avere una diffusione capillare nel territorio italiano e del Sud in particolare, con ovvie ripercussioni sugli sbocchi lavorativi dei neospecialisti.

2) Il campo di attuazione di questa specialita é l´area della testa-collo, limitandosi al basicranio. Le patologie trattate sono le piú svariate dalla malformativa alla traumatologia, oncologia, chirurgia plastica, ecc.
Proprio questo ampio spettro di applicazioni é a mio avviso il punto debole perché si creano innumerevoli conflitti di interesse con altre specializzazioni ben piú conosciute e diffuse nel territorio; ricordo fra le altre Otorino, Ch. Plastica, Ch oncologica per non parlare del discusso rapporto con gli odontoiatri di cui parleró successivamente.
A mio avviso questo sovrapporsi di competenze crea uno svantaggio per la Maxillo in quanto potrebbe essere un ostacolo al crearsi di nuovi reparti in aree sprovviste: che bisogno ci sarebbe di aprire un reparto nuovo in piccoli centri in cui la maggior parte delle nostre patologie vengono trattate da altri specialisti ben piú conosciuti?
Il Ministero della Sanitá dovrebbe stabilire i limiti di competenze delle varie specializzazioni...il risultato é che in Italia in pratica “chi sa fare fa”: in alcuni ospedali ad esempio una neoplasia testa-collo viene trattata dal maxillo semplicemente perché per tacito accordo l´otorino dello stesso ospedale non lo fa.
In effetti l´unico intervento specifico che solo il maxillo puó trattare é la chirurgia ortognatica, ma di certo non é molto diffusa e soprattutto gli specializzandi di maxillo praticamente non fanno mai da primo operatore nel corso della specializzazione.

3) Discorso similare é l´affinitá tra la maxillo, Otorino e Ch. Plastica per quanto riguarda gli incarichi ospedalieri: un Otorino puó essere assunto in un reparto di Maxillo a tutti gli effetti e ho sentito da colleghi che é avvenuto (mi dicevano che guarda caso tale Otorino era figlio del vecchio primario del reparto, che cosa strana...). Mi chiedo: ma con tanti maxillo specialisti a spasso in Italia avevamo anche bisogno di vederci soffiare i posti di lavoro da altri? Ma di questo naturalmente nessuno ne parla, fa parte dei giochi di potere che i Direttori venduti delle varie U.O. portano avanti per ricevere favori di vario tipo.

4) Fino a qualche anno fa esisteva anche un´altra specializzazione indipendente di medicina che si chiamava Odontostomatologia: una vera pacchia per chi ha avuto la fortuna di specializzarsi: durava solo 3 anni, dava la possibilitá di esercitare anche come dentisti e soprattutto dava la possibilitá di entrare a lavorare in reparti di Maxillo: oggi infatti molti dirigenti medici di U.O. di maxillo sono proprio semplicemente odontostomatologi. Considerando che nel piano di studi della specializzazione in odontostomatologia questi signori non hanno mai visto gran parte delle patologie di nostra competenza c´é veramente di che stare tranquilli...

5) Ben piú complesso é il rapporto con gli odontoiatri o dentisti che dir si voglia. Premetto alcuni chiarimenti: Maxillo é una specializzazione solo per medici, odontoiatria é un corso di laurea completamente diverso. L´odontoiatra puó lavorare solo in anestesia locale, il Maxillo lavora sia in anestesia locale che in anestesia generale in sala operatoria.
Fino a qualche anno fa gli specialisti di maxillo avevano la possibilitá di esercitare anche come odontoiatri (e molti di tali “fortunati” sono titolari di avviati studi dentistici da cui guadagnano molto piú di una eventuale attivitá privata di maxillo), ora questo non é piú possibile. Addirittura vi sono medici generici (quindi semplicemente con la laurea in medicina) che non si sa come esercitano come dentisti (se é per questo conosco addirittura odontotecnici che fanno i dentisti abusivi!!!).
Oggi il confine pratico tra maxillo e dentista si va sempre piú assottigliando: a) Molti maxillo trattano in attivitá privata l´ implantologia ( forse la branca che garantisce i guadagni maggiori) che per anni é stata appannaggio dell´odontoiatria.
b) Alcuni odontoiatri ora cominciano a trattare le estrazioni degli ottavi inclusi (da sempre appannaggio dei maxillo in quanto trattasi nella maggior parte dei casi di un intervento chirurgico a tutti gli effetti), le biopsie in cavo orale (a mio avviso una assurditá perché le eventuali patologie maggiori individuate a seguito della biopsia non sono certo di loro competenza) e i piccoli interventi in A.L. come le escissioni di neoformazioni benigne e cosí via.
Senza dimenticare un aspetto molto importante: la gente comune conosce bene la figura del dentista e sconosce completamente quella del maxillo (se é per questo anche molti medici la sconoscono), col risultato che la gran parte delle patologie del cavo orale di nostra competenza vengono individuate per primi proprio dai dentisti.
L´ultimo punto di scontro tra le due figure professionali si é avuto proprio in questi mesi nel campo dell´implantologia, non a caso fonte di grossi guadagni. Al sud non so dove un dentista ha denunciato un maxillo che praticava implantologia col risultato che una sentenza ha stabilito che da ora in poi il maxillo puó attuare l´implantologia solo dietro supervisione di un odontoiatra.

6) La maggior parte delle scuole di specializzazione in Italia non garantiscono un adeguato numero di interventi da primo operatore, ma credo che questo sia un problema comune, per quanto vergognoso, a molte specializzazioni chirurgiche. Alcune scuole sono addirittura prive di un ambulatorio dove poter svolgere interventi in anestesia locale, che per lo specializzando rappresentano un validissimo aiuto per sviluppare la manualitá operatoria.
A testimonianza della crisi che attraversa la nostra specializzione in molte sedi di Italia sono rimaste non assegnate alcune borse di studio.
La gran parte delle scuole é diretta da baroni con la B maiuscola, intoccabili, amanti del regime autoritario in reparto, ma dall´altro lato poco inclini a far lavorare lo specializzando in sala operatoria come primo operatore.

7) Il maxillo a differenza di altre specializzazioni chirurgiche difficilmente ha la possibilitá di aprirsi uno studio privato. La maggior parte della attivitá “a pagamento” viene svolta dai primari in ospedale come attivitá intramoenia.

8) Essendoci pochi reparti sono anche pochi i concorsi dedicati ( senza considerare che la maggior parte dei concorsi sono pilotati). Conosco colleghi che aspettano un concorso da piú di cinque anni.

9) All´estero la specializzazione di Maxillo non viene sempre riconosciuta come tale, a differenza di altre branche (ad es. Otorino é la stessa in tutto il mondo). Restando nell´ambito europeo se si va in Inghilterra per esempio il maxillo deve avere la doppia laurea medicina-odontoiatria. Che sfortuna proprio in UK dove si dice che ci siano tante opportunitá lavorative per medici!

10) Molti freschi specialisti di Maxillo oggi, proprio a causa della carenza di sbocchi lavorativi specialistici, lavorano o nello studio del papá-zio-nonno odontoiatra, o fanno le guardie mediche come i neolaureati o pensano seriamente di iniziare una nuova specialitá che dia piú possibilitá come Chirurgia plastica o addirittura prendere un´altra laurea come quella di Odontoiatra.



In conclusione l´elenco che ho scritto si basa solo sulla mia esperienza personale e serve come “orientamento” molto generico per tutti coloro che fossero interessati a questa specializzazione, per prepararli alle difficoltá che si potrebbero trovare di fronte. Non voglio assolutamente scoraggiare nessuno, ma ritengo che un neolaureato che si interessi alla maxillo debba quanto meno informarsi bene sui pro e contro di questa branca per fare una scelta consapevole.

Spero che tutti gli specialisti di maxillo-facciale possano dare il loro contributo criticando o meno quello che ho scritto per creare un dibattito proficuo.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
8 Anni 9 Mesi fa - 8 Anni 9 Mesi fa #169094 da claudiocappelli
Grazie mille per le chiarificazioni :)
Fammi capire una cosa pero:

Il maxillo all'interno di uno studio dentistico cosa può fare e cosa non può fare?
Può fare tutto ma non deve essere il titolare o ha anche restrizioni sul campo?
Cosa può dare di più ad uno studio dentistico?
Gli impianti possono farli anche gli odontoiatri o sbaglio?


Hai detto inoltre che la traumatologia d'urgenza e'  il 70% degli interventi, vuol dire  che il lavoro e' piuttosto stressante in ospedale?
Hai qualche esperienza che ci vuoi raccontare a Tal proposito?

Grazie anticipatamente x la disponibilità
Ultima Modifica 8 Anni 9 Mesi fa da .

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
8 Anni 9 Mesi fa #169121 da MarcoSf
Per quanto riguarda lo studio dentistico la cosa varia da collega a collega. Alcuni maxillo vanno negli studi dentistici per fare piccoli interventi di chirurgia orale come: estrazione di ottavi inclusi (apro parentesi:alcuni dentisti li trattano, ma solo quando sono "facili"...quando sono piú complicati da estrarre chiamano un maxillo per non avere rogne), asportazione di denti sovrannumerari in inclusione ossea, biopsie, asportazioni di neoformazioni, ecc...
Quindi il maxillo da allo studio dentistico tutta quela parte di piccola chirurgia orale che normalmente il dentista non fa a meno che non abbia frequentato dei corsi (mi permetto peró di dire che una cosa é fare un corso di qualche giorno, un´altra cosa é acquisire un´esperienza di anni nell´ambulatorio di reparto).
Cosa non puó fare il maxillo: tutto quello che é specifico dell´odontoiatra e cioé curare i denti e le gengive!
Attenzione: il maxillo con le nuove leggi (nuove si fa per dire, datano un bl pó di anni) non puó essere titolare di uno studio dentistico perché non siamo dentisti, ma puó aprirsi uno studio proprio...solo che nella grande maggioranza di casi non ci si campa.
In ogni caso in generale la manualitá che puó avere un bun maxillo nella piccola chirurgia orale é normalmente superiore a quella di un dentista che non abbia avuto una preparazione specifica di un certo livello.
Impianti: é chiaro che li puó fare anche il dentista, anzi per anni li hanno fatti solo loro. Ora qualche mese addietro é successo un putiferie perché un dentista ha denunciato un maxillo che facva implantologia...é uscita cosí una sentenza che permette ai maxillo di mettere impianti SOLO con la supervisione di un odontoiatra. In teoria si crea un punto fisso dal punto di vista legale, in pratica chi faceva impianti li continua afare nello stesso modo.


La traumatologia maxillo nella grande maggioranza dei casi é una urgenza differibile, significa che ti arriva il paziente oggi e lo puoi operare anche dopo 2-3 giorni (ma entro un arco temporale di 10-12 giorni per evitare che si formi il callo osseo in posizione viziata). Sono veramente pochi i casi in cui un traumatizzato facciale deve essere operato subito.  In alcune scuole hanno l´abitudine di operare il traumatizzato appena arriva, ma non é obbligatorio (sempre dipendendo dal tipo di trauma).

Come tutte le specializzazoni chirurgiche é stressante perché non esistono orari di lavoro...piú ti fermi in reparto piú apprendi e piú ti impegni piú di fai stimare. Non timbri il cartellino alle 14 e te ne vai, occorre molta dedizione.

Diventa stressante solo quando non ti piace, quando il direttore é un poco di buono ( e ce ne sono tanti, attento, informati prima) e soprattutto quando non ti fanno mettere mani in sala operatoria. Se decidi per la maxillo informati molto bene dove si impara di piú perché meglio lavorare come un pazzo per 5 anni ma alla fine avere un mestiere in mano che non avere un pezzo di carta vuoto.

Se hai qualche dubbio in particolare chiedi pure.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
8 Anni 9 Mesi fa #169150 da n3v3rmind
ti ringrazio anchio per le informazioni!! molto utili! è un peccato che la chir. maxillo-facciale sia così sottovalutata, visto che è una specialità molto molto bella...

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
8 Anni 8 Mesi fa #169205 da MarcoSf

Sicuramente molto molto bella, ma se il Ministero non provvede a delimitarne nettamente i confini rispetto ad altre specializzazioni saremo sempre poco rappresentati sul territorio.

Ovvio che poi c´e il grosso problema delle scuole di specializzazione: finche continuano a dirigerle i baroni di chirurgia pratica se ne promette poca, ma questo é un problema comune alle scuole chirurgiche in Italia.

A questo proposito vi invito a compilare il formulario per dare un giudizio sulla propria scuola di specializzazione che sdi é frequentato...magari non cambierá nulla ma almeno ci si sfoga! Si ci deve iscrivere ma la compilazione del formulario non permette di rintracciare il nominativo.

loginmiur.cineca.it/

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
8 Anni 7 Mesi fa #170284 da tiniwel
grazie per la tua preziosa testimonianza. hai qualche info sulla scuola di milano? anche lì c'è un serrato baronaggio o permettono di effettuare interventi da primo operatore? grazie mille in anticipo per la tua risposta ;)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 11 Mesi fa #177126 da gaa
salve a tutti...mi sono laureata in medicina a luglio con tesi proprio in chirurgia maxillo facciale. frequento il reparto da circa due anni al vecchio policlinico di napoli e naturalmente la mia intenzione è quella di tentare il concorso di specializzazione in maxillo l'anno prossimo.... questa specializzazione è molto sottovalutata dai più,ma semplicemente a mio avviso perchè non la si conosce abbastanza e la si associa esclusivamente all'odontoiatria... la mia esperienza in reparto è piuttosto positiva perchè vedo che gli specializzandi già dai primi anni vengono resi autonomi quantomeno nelle attività ambulatoriali e quindi non solo per ciò che riguarda i controlli e le visite dei pz,ma per tutto ciò che significa interventi in anestesia locale. in sala operatoria naturalmente il discorso è diverso poichè è il prof che esegue la parte sostanziale dell'intervento e poi lascia gli specializzandi a chiudere. ho visto pochi interventi fatti in autonomia dagli specializzandi in sala tipo sequestrectomie, interventi per cisti del seno mascellare... ad ogni modo credo che in questa scuola(almeno per quanto riguarda la SUN) la situazione per ciò che riguarda la possibilità di fare sia molto maggiore rispetto alle altre chirurgie! una cosa che proprio non mi piace è il fatto che ogni prof. si occupa di un settore specifico: oncologia,traumatologia,pedodonzia,ortodonzia...e gli specializzandi assegnati a ciascun prof fanno solo quello...non c'è rotazione... per cui per imparare a fare anche altre cose devi cercare di sgattaiolare nei momenti morti(quando ce ne sono...)negli altri ambulatori...non mi sembra un buon modo! al di là di questo anche io sono molto proccupata per il mio futuro lavorativo...vedo molti colleghi che si appoggiano agli studi odontoiatrici dei propri parenti...al di là del fatto che io non ho ne parenti medici ne odontoiatri( cosa che di per sè credo che mi svantaggi) ho chiesto la tesi in maxillo perchè "da grande" voglio fare il chirurgo....il fatto è che più passa il tempo e più mi rendo conto che le possibilità  di realizzare il mio sogno sono poche,proprio perchè gli ospedali che hanno il reparto di chirurgia maxillo facciale sono pochi e sono pochi i concorsi pubblici...vorrei a tal proposito chiedere consiglio a qualcuno che ha già fatto il mio percorso...premettendo che sono disposta a spostarmi fuori napoli in futuro...grazie a chiunque mi risponda!

qualunque cosa sogni di fare comincia a farla! nell'audacia c'è genio,potere e magia...

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Avatar di
  • Visitatori
  • Visitatori
7 Anni 11 Mesi fa #177150 da
Ti rispondo un po' da profano, in quanto ho si frequentato un periodo in chirurgia maxillo-facciale ma molto brevemente. A costo di sembrare antipatico (e forse per alcuni di questo forum lo sono), è meglio scegliere specialità che diano sbocchi lavorativi piuttosto che intestardirsi su specialità che non ne danno. La maxillo è una di quelle branche che di lavoro non ne da (a meno di non essere dei super raccomandati). Solo in Italia il maxillo-facciale si scontra con ORL e ch. plastici, in quanto in tutto il resto del mondo ognuno ha le sue competenze.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Avatar di
  • Visitatori
  • Visitatori
7 Anni 10 Mesi fa #177469 da
Salve a tutti, volevo dire la mia sulle varie cose che avete scritto..
Premetto che sono uno studente dei V anno a Parma e sono in quella fase di "indirizzamento" verso la frequenza di un reparto, la tesi e in sostanza la futura (si spera) scuola di specializzazione.
Ho parlato proprio oggi con il direttore del reparto di Maxillo-Facciale di Parma, il prof. Enrico Sesenna, attualmente uno dei maggiori esponenti della chirurgia maxillo-facciale in Italia e non solo, che in sostanza mi ha confermato praticamente tutto quanto ha scritto Marco nel suo primo post.
Lui stesso ha ammesso che pur essendo a capo di una scuola importante, specialmente in Emilia, faccia fatica a "piazzare" i suoi specializzandi, sia nei dintorni che in altre zone più distanti. La sostanza è un contesto nazionale di lobby odontoiatrica, che ha imposto col potere (e col denaro) i suoi veti assurdi, a favore delle loro incompetenze per ingrassare i loro già grassi conti in banca. Questa è sicuramente una caratteristica anomala del sistema italiano dove l'odontoiatra e prima di lui i vecchi dentisti hanno prevaricato completamente sull'assegnazione delle competenze, anche a causa del fatto che la chirurgia maxillo-facciale sia una specializzazione relativamente recente.
Mi chiedo se ci siano prospettive che non siano la sottomissione e la svalutazione delle competenze per ottenere un posto di lavoro più o meno stabile, aldilà di quella che poi è la passione personale, che sicuramente non manca..

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 7 Mesi fa #179661 da dralberto
Ciao Andrea,
sono un rappresentante della lobby odontoiatrica, quella che da incompetente e prepotente controlla quel campo della medicina che in genere i max-fax guardano dall'alto in basso con superiorità ma dentro la quale poi chissà perchè cercano in tutti i modi di operare.
In sostanza tu ritieni che la crisi dell'occupazione dei max-fax sia da ricondurre allo strapotere odontoiatrico che ha di fatto incorporato campi vostra pertinenza.
Non sono affatto d'accordo con te, e non lo sono molti altri max-fax che conosco.
Volendo entrare nello specifico, mi sembra che  i motivi di insoddisfazione siano il fatto che gli odontoiatri abbiano invaso il vostro campo per quanto riguarda le estrazioni chirurgiche, e addirittura si siano impossessati completamente di quello implantologico.
A questo riguardo mi dispiace dissentire completamente da te e da chi la pensa come te.
In particolare per quanto rigurda le estrazioni dentali chirugiche, esse sono di pertinenza odontoiatrica così come lo possono essere di pertinenza maxillo facciale.
Ciò significa però che non esistono estrazioni dentali chirugiche ( a meno che il dente non sia incluso in una neoformazione la cui chirurgia esula da quella odontoiatrica) , che non possano essere compiute dagli odontoiatri.
Precisazione per Marco Calapai: quando tu affermi" b) Alcuni odontoiatri ora cominciano a trattare le estrazioni degli ottavi inclusi (da sempre appannaggio dei maxillo in quanto trattasi nella maggior parte dei casi di un intervento chirurgico a tutti gli effetti), " in realtà non è vero  perchè le estrazioni dentali degli ottavi inclusi, prima che esistesse la specializzazione di max-fax, le hanno sempre fatte i dentisti esperti in chirugia orale.
Per quanto riguarda invece il vero punto di scontro, è cioè l'implantologia, il discorso è molto semplice anche se a voi non va giu: e cioè l'impianto non è una vite inserita nell'osso fine a se stessa, ma serve a supportare una protesi, fissa o rimovibile, che pertanto è il criterio che guida l'implantologo a scegliere il dimensionamento ed il posizionamento dell'impianto da inserire.
Pertanto, siccome l'implantologia è funzionale alla PROTESI che dovrà supportare, e siccome la PROTESI è di esclusivo appannaggio odontoiatrico, e siccome mi sembra che a fronte di un insegnamento di protesi che da noi dura 3 ANNI, da voi faccia parte  al più di Odontostomatologia durante il corso di Medicina ( senza contare il fatto che voglio vedere quale esperienza può avere un max-fax di protesi a meno che non faccia il dentista), è chiaro che il max fax possa essere autorizzato ad inserire degli impianti solo sotto supervisione odontoiatrica.
E questo non perchè debba controllare la vostra capacità chirurgica, ma perchè deve supervisionare al fatto che il progetto implantare sia corretto rispetto al progetto protesico.
Perchè il paziente non viene a mettersi gli impianti, ma viene a mettersi i denti.
E siccome gli odontoiatri possono mettere gli impianti, ecco che per voi non c'è lavoro in questo campo.
Per il resto, davvero l'erba del vicino è sempre la più verde.
Ci sono moltissimi interventi in questo forum di odontoiatri che volgiono fare i max-fax, e qui ci sono i max-fax che si lamentano di non poter esercitare alcune branche dell'odontoiatria.
Ma insomma: avete una specialità splendida, che vi consente di operare in tantissimi campi, che vi può dare enormi soddisfazioni: studiate, perfezionatevi, metteteci passione e vedrete che troverete anche voi soddisfazione.
Il campo odontoiatrico credetemi non è quello che voi descrivete: c'è enorme crisi, e cisono tanti ragazzi come voi, come me, che lottano per trovare la loro strada professionale.
Ha senso questo attacco gratuito  e pieno di offese quando in realtà dovremmo collaborare?
Ognuno si specializzi nel proprio campo e vedrete che troverete anche voi!
Collaboro con max-fax in Italia, in Francia(Parigi) e a Bonn, e a parte l?italia non ho mai sentito discorsi simili!
E gli impianti in Francia e in Germania li fanno gli odontoiatri.

Un saluto davvero con affetto
Ringraziano per il messaggio: Carlo81

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.374 secondi
Powered by Forum Kunena