file Dove sta andando la Croce Rossa Italiana?

  • Avatar di Autore della discussione
  • Visitatori
  • Visitatori
12 Anni 3 Mesi fa #110494 da
Ciao ragazzi,l\'altro giorno è intervenuto da noi l\'Ispettore regionale del gruppo pionieri,e ci ha illustrato alcuni punti della situazione della Cri,concetti che verranno ribaditi alla assemblea regionale della regione Umbria a cui parteciperà anche l\'Ispettore Nazionale della componente.Da quanto ha detto,la Croce Rossa ha un debito pubblico di 80 milioni di euro,che se il governo nn salderà,verrà saldato da un privato.La privatizzazione porterà ad un taglio dastrico delle spese:- nn potranno più esistere sei componenti,ciascuna con i propri organi e ispettorati-la componente militare è intoccabile in quanto la sua istituzione è regolamentata da una legge dello stato.Ora mi chiedo,dovesse avvenire tutto ciò,come si potrebbe conciliare tutte le attività che prima svolgevamo visto il rimescolamento che si prospetta?Qualcuno di voi ha sentito parlare di questa situazione?si dice anche che è vicino il momento in cui ci verràsoppressa l\'attività in ambulanza perchè già svolta dai dipendenti sempre di Cri e da altre società che vincono gli appalti.:dry:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Avatar di Autore della discussione
  • Visitatori
  • Visitatori
12 Anni 3 Mesi fa #117283 da
Purtroppo è il risultato di decenni di commissariamento e spese folli. Ora si cercherà pian piano di ritornare sulla retta via, intanto con i fondi di solidarietà che ogni comitato locale verserà (o ha già versato?non sono ben informato sui tempi) al comitato centrale. C\'è da dire che il governo deve ancora cacciare i soldi per la missione a Nassyria.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Avatar di Autore della discussione
  • Visitatori
  • Visitatori
12 Anni 3 Mesi fa #117321 da
a tal proposito ho scritto qlc tempo fa un articolo su un mio blog e su vari forum:

\Shandy\ ha scritto: E’ finita l’epoca d’oro del volontariato.Sono finiti quegli anni di boom, quei 10/15 anni in cui il Volontariato è diventato Risorsa!Per fortuna mi ci sono trovato, e’ stato bello ma adesso sta andando tutto a catafascio.Oramai il i gruppi di volontariato (e non parlo solo della Cri, ma in generale) si sono riempiti di persone che si fanno le pippe mentali, che hanno bisogno di mettersi una divisa per sentirsi importanti, per poter dire “io valgo qualcosa”.Si sono riempiti di persone che invece di pensare a fare il Volontariato, il Bene … pensano a come “andare a quel posto” ai colleghi, a comandare … snaturando del tutto quello che dovrebbe esser la motivazione nobile e bella del volontariato.E con questo loro modo di fare avvelenano l’aria, la rendono asfittica e allontanano i “buoni” dal volontariato.Se c\'è una persona che vuole fare volontariato, una persone che è disposto a togliere tempo ed energie a se stesso ed alla sua famiglia per aiutare gli altri e si ritrova, invece, a fare decine di ore di discussioni inutili e sterili con dei “caporali” (laddove per caporali intendo quelle persone che si mettono il berretto in testa convinti, a torto, di esser generali di corpo d’armata e non si rendono conto, invece, che sono solo delle cariche locali di una associazione di volontariato, per quanto prestigiosa possa essere resta questo: una Associazione di Volontariato!!) per poter poi fare un servizio di due ore – servizio che, per inciso, risulterà poi comunque avvelenato ed alienato da quello spirito speciale e bellissimo che e’ quello del volontariato – e’ normalissimo che può resistere in queste condizioni per pochi mesi, massimo un anno; poi si allontana, se ne va e va a dare ad altri, in un altro modo, il suo impegno … quando la voglia gli è rimasta; quando suddetti caporali non gliel’hanno fatta passare!Adesso si deve aspettare che questo ciclo si compia, che queste persone “uccidano” il Volontariato; che sterilizzino i gruppi e le associazioni; che, come Attila, distruggano tutto fino a non far più crescere l’erba per poi abbandonare a loro volta e dare, così, modo alle nuove leve di poter ricominciare daccapo, di poter ricostruire …Sarò un po’ pessimista ma e’ una considerazione che con amici di volontariato e’ stata fatta da anni oramai e che mi sta dando ragione!Va da se che, naturalmente, esistono anche isole felici in cui l’intelligenza e la sagacia di taluni ha permesso che, fino ad ora, questa cosa fosse impedita … spero che questa sagacia si diffonda come un virus altamente infettivo, almeno per salvare quel che e’ rimasto di una grande risorsa!La strutturalizzazione degli impulsi alle volte comporta questo prezzo da pagare; può portare ad un depauperamento dell’impulso stesso ma credo che questa volta la cosa sia scappata di mano ...Mi correggo, forse non è finita ma certamente è sul viale del tramonto, un viale che sta volgendo al termine! http://tinyurl.com/33m9hh

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: Cmancusi
Tempo creazione pagina: 0.488 secondi
Powered by Forum Kunena