question-circle MEDICINA INTERNA

Di più
1 Anno 11 Mesi fa - 1 Anno 11 Mesi fa #207464 da AAA
MEDICINA INTERNA è stato creato da AAA
Ciao a tutti! Sono uno studente di medicina al V anno. Da sempre mi ha affascinato l'ambito della Medicina Interna, opzione che vorrei considerare per la specialistica. Durante questi anni, però molti tra medici, specializzandi e studenti, mi hanno sconsigliato di sceglierla come opzione in quanto ormai, dicono, la medicina è sempre più specialistica, e Medicina Interna da poche possibilità quanto a sbocchi lavorativi, pochi punti nei concorsi rispetto ad altre specialità, possibilità quasi nulla di fare attività privata; tutto questo a fronte di orari e ritmi particolarmente pesanti, sia durante al specialistica che in ambito lavorativo. La mia domanda quindi è: conviene ancora specializzarsi in medicina interna nel 2016?
Ultima Modifica 1 Anno 11 Mesi fa da AAA.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
1 Anno 11 Mesi fa - 1 Anno 11 Mesi fa #207477 da marco77
Risposta da marco77 al topic MEDICINA INTERNA
Ciao, intanto parliamo di "specializzazione" e non di specialistica, scusa la precisazione.
In sintesi ti hanno riferito decisamente male, non so con chi tu abbia parlato ma si tratta di gente poco informata o peggio (ma qui penso male :D ).

"pochi punti nei concorsi rispetto ad altre specialità": ma che vuol dire? Questa frase e il concetto che esprime non ha senso ed è priva di ogni fondamento.
Se tu, un domani, specialista medico internista, parteciperai ad un concorso per dirigente medico di medicina interna, la tua specializzazione vale 1,00 punti, mentre un altro candidato con specializzazione affine (ad es. malattie infettive) che partecipa allo stesso concorso, la sua specializzazione varrà 0,50 punti.
Se invece tu (sempre considerando che sei specializzato in med interna) parteciperai ad un concorso per dirigente medico di malattie infettive, in questo caso la specializzazione in med interna, in quanto stavolta essa disciplina affine, varrà 0,50.
Spero pertanto di aver chiarito la questione.

"la medicina è sempre più specialistica": uhm bella scoperta, mi ricorda molto quella dell'acqua calda.. certo che a banalità si sono sprecati questi tuoi colleghi.
Questa evidentemente è una circostanza che vale per tutti gli ambiti della medicina, compreso pure per le branche più specialistiche come cardiologia, ma ovviamente ancor di più per una specializzazione a carattere generale.
Pertanto è un "problema" che in linea di massima dovrai affrontare con ogni settore, con le dovute differenze.
Una volta specializzato in medicina interna, ma già durante il tuo percorso di specializzazione, potrai interessarti ad un ambito di tuo maggior interesse, che ne so epatologia, dietologia e nutrizione, diabetologia, ecografia, gatroenterologia, cardiologia, reumatologia,.. questo dipende dalle tue "corde" e anche dalla realtà che frequenti.

"Medicina Interna da poche possibilità quanto a sbocchi lavorativi": guarda forse è l'unica (qui esagero un pò) che può darti la certezza di un lavoro in ambito ospedaliero, non entro però sulla tipologia di contratto, tanto oggi la precarietà è globalizzzata.
Se poi il PS non ti spiace, almeno per un periodo, praticamente il giorno dopo che ti specializzi ti si aprono le porte per lavorarci.
Scusa: premessa che avrebbe dovuto accompagnare il mio discorso e che io do per per scontata, ossia non bisogna avere preclusioni a spostarsi in altre città.

Tornando al discorso sugli sbocchi lavorativi, allora, per i concorsi pubblici problemi non ce ne sono (ricordando sempre che saremo ancora per anni in crisi). Privatamente, ci sono discrete possibilità nelle cliniche private ed RSA, case di cura, poliambulatori ecc.; come libero professionista, inteso che tu il giorno dopo la specializzazione voglia avere un tuo studio privato, certamente mi dirai ma chi viene da un internista? Vero. Ti rigiro io la domanda, ma se tu ad esempio cardiologo, endocrinologo o dermatologo, neo specialista fai la stessa cosa, quanti pazienti si rivolgono a te? Zero o quasi.
Non si inizia un'attività privata da un giorno all'altro ma è un percorso che ci si costruisce, con capacità (anche pubblico relazionali) e con un pò di fortuna.
Oggi la tendenza della sanità pubblica è quella di ridimensionare i reparti specialistici per riportarli sotto l'orbita della medicina interna; purtroppo (dal mio punto di vista) la sanità va verso il modello USA, che non significa che ci sarà meno lavoro ma che saremo come medici, come lavoratori, ancora più sfruttati.

Sempre riguardo alle possibilità lavoro, oltre le mie opinioni, che del resto tu potrai dirmi valgono quanto quelle degli altri (verissimo) ma almeno io mi sono preso la briga di darti delle possibili motivazioni che mi spingono ad avere queste idee, vorrei riferirti che tra i miei amici e conoscenti internisti non ce ne nemmeno uno che non lavori. Si al solito non è tutt'oro, qualcuno a tempo determinato, altri stabili, certi non fanno il lavoro dei loro sogni... ma questo credo sia oggi in comune con la maggior parte dei lavoratori.

"orari e ritmi particolarmente pesanti": anche questo dato quanto meno è relativo perchè dipende molto dalla realtà formativa/lavorativa nella quale ti troverai. Potrei dirti di colleghi sereni e altri più sfruttati, però conosco specializzazioni con ritmi ancora più serrati della medicina interna.

Alla fine di tutto sto discorso, spero di non averti stancato, il mio suggerimento è che al primo posto come criterio per la tua scelta c'è la specializzazione che ti piace, il lavoro che sai di voler fare, immagino sarai già interno e ti sarai fatto un'idea in proposito. Al secondo posto, certamente bisogna esser anche concreti e raffrontarsi col mercato e perciò dare un giusto peso a quelle che sono le possibilità lavorative con le varie specializzazioni, e ti informo che Geriatria e Medicina Interna sono tra quelle per cui è prevista una carenza per il prossimo futuro.
Insomma il mio suggerimento, forse banale quanto le considerazioni dei tuoi colleghi, è quello di bilanciare tra cuore e testa, io direi di scegliere col cuore ma navigare con la testa.
Ti faccio i miei migliori auguri e in bocca al lupo per il tuo futuro ;)
Ultima Modifica 1 Anno 11 Mesi fa da marco77.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: ThomasManca
Tempo creazione pagina: 0.375 secondi
Powered by Forum Kunena