file Il chirurgo e la legge

Di più
6 Anni 2 Mesi fa #183729 da goldenboy
Il chirurgo e la legge è stato creato da goldenboy
Stavo guardando questo video di una puntata di porta a porta in cui era ospite Roy De Vita, il noto chirurgo plastico.
In particolare ho trovato interessante quello che dice dal minuto 6.34

http://www.youtube.com/watch?v=kXcCubq4tok

E' così anche per i chirurghi generali e gli altri chirurghi? Qualcuno sa spiegarmi com'è attualmente la situazione in Italia al confronto con altri paesi d'Europa e con gli Usa dal punto di vista legale? E' vero che c'è un accanimento nei confronti dei chirurghi con centinaia di denunce diffamatorie che si risolvono nel 90 per cento dei casi con la totale assoluzione? E infine sono solo i chirurghi a essere presi di mira o anche altri specialisti?

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 2 Mesi fa #183744 da davy91
Risposta da davy91 al topic Il chirurgo e la legge
Questo post fa al caso tuo

www.futurimedici.com/index.php?option=co...x.php?topic=182394.0

e pure questo

www.oggitreviso.it/un-lavoro-ad-alto-ris...fare-chirurghi-20164

Si lo so, i chirurghi qua in italia sono bistrattati. Hai un elevato rischio nel tuo lavoro, molto più di alcuni medici. Bisogna esserne più che convinti per svolgere questo tipo di professione.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 2 Mesi fa #183748 da goldenboy
Risposta da goldenboy al topic Il chirurgo e la legge
articoli interessanti che in parte chiariscono la situazione, anche se li trovo piu a scopo demotivante.
vorrei però se possibile dati piu precisi dal punto di vista legale: per cosa si viene denunciati di solito? cosa si rischia? E soprattutto mi interesserebbe capire come è invece la situazione negli altri paesi, per poter stabilire se anche questo è uno dei buoni motivi per emigrare altrove come fanno gia in molti.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 2 Mesi fa - 6 Anni 2 Mesi fa #183750 da Giuseppe Bartelli
Vengono denunciati per lesioni lievi, gravi e gravissime, fino all'omicidio colposo.
In Italia devono rispondere civilmente cioè risarcimento in denaro (che paga l'assicurazione, e così al primo errore ti ritrovi a sostenere premi di qualche migliaio di euro in più l'anno rispetto a quelli base) e penalmente (mesi di carcere che ovviamente nessun medico fa, ma anche in questo caso si tira fuori il portafoglio). L'Italia è uno dei pochi paesi al mondo dove il medico deve rispondere in ambito penale oltre che civile, nei paesi anglosassoni ciò è impensabile (giustamente).

Oggi il medico viene denunciato per tutto, perchè c'è la concezione che la morte o l'evento avverso non siano più ammissibili in realtà come ben sappiamo sono inevitabili.
Nel mio ospedale, tanto per farsi due risate (si fa per dire..) è arrivato in pronto soccorso una donna di 101 anni, in condizioni pessime per aggravamento di condizioni croniche pre-esistenti, i medici tentano di tutto ma muore, i familiari decidono di denunciare tutti: medici del pronto soccorso, radiologo che ha fatto rx torace, anestesista che non è riuscita a rianimarla.... sembra una barzelletta ma purtroppo sono eventi sempre più frequenti.
Naturalmente poi il giudice darà ragione ( come avviene nel 85% dei casi) ai medici ma rimane comunque la grossissima rottura di scatole di chiamare l'avvocato, partecipare alle sentenze e tutto l'iter burocratico legale. Come se un medico (soprattutto un chirurgo) avesse tutto quel tempo libero da perdere tra tribunali e studi legali...
Poi stanno aumentando anche gli stronzi (spesso extracomunitari, rumeni, tunisi, algerini) che denunciano anche sapendo che non hanno la minima ragione, ma sperano di guadagnarci qualche soldo, non si sa mai, a volte i giudici non capiscono un tubo e sbagliano (conosco personalmente medici costretti a pagare, tramite assicurazione, quando in realtà non avevano nessuna colpa!).
Purtroppo da quello che so (dati certi che mi hanno detto i medici del mio ospedale) un chirurgo di 40 anni adesso ha solo la probabilità del 20% di arrivare alla pensione senza mai aver avuto a che fare con una denuncia.

Questo lo aggiungo io:
spesso i chirurghi, ma tutta la categoria medica in generale, è costretta a lavorare sostenendo ritmi di lavoro veramente al limite dei diritti umani, è impensabile che un chirurgo debba fare 18 ore di fila, ma in Italia ciò avviene, anzi sembra quasi una cosa normale, dovuta...Con queste situazioni la svista, la distrazione, l'errore diventa quasi inevitabile e scatta così la denuncia del cittadino che si sente giustamente danneggiato. In realtà invece di prendersela con il chirurgo o il medico del p.s. che hanno fatto notte+mattina di fila per mancanza di personale, quelli che dovrebbero pagare perchè realmente responsabili sarebbero i nostri dirigenti, direttori sanitari politicizzati, sindacati e tutti i furboni che sono al vertice dell'aziende sanitarie che guadagnano il triplo di un chirurgo e non fanno una mazza dalla mattina alla sera, anzi no...mi correggo: "dalla mattina alle 8:00 alla mattina alle 14:00 ", perchè loro fanno le 6 orette pulite pulite e se fanno 1 minuto di più gli viene sempre pagato come straordinario o produttività
Ultima Modifica 6 Anni 2 Mesi fa da .

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 2 Mesi fa #183755 da goldenboy
Risposta da goldenboy al topic Il chirurgo e la legge
Grazie Giuseppe direi che hai fatto un quadro completo.
Stando così le cose mi sembra logico ipotizzare che se c'è un calo dei chirurghi non si deve al numero chiuso come dicono

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: ThomasManca
Tempo creazione pagina: 0.375 secondi
Powered by Forum Kunena